F.A.Q.

  • FAQ PER L’INVESTITORE
  • FAQ PER PROPONENTI PROGETTI
  • FAQ SUL CROWDFUNDING

 

Posso investire anch’io?

Certo: tutti possono investire. Ti servono solo due cose: essere maggiorenne, e una connessione internet (il processo di investimento si svolge interamente online). Dopo che verrà effettuata la “verifica di appropriatezza”, sarai pronto a fare il tuo investimento.

 

Cos’è la verifica di appropriatezza?

Noi di TheBestEquity abbiamo deciso, per tutelare maggiormente il tuo investimento, di verificare il tuo livello di esperienza e conoscenza. Si tratta di un semplice questionario attraverso il quale valuteremo insieme a te se l’investimento scelto è appropriato al tuo profilo. Questo, tenendo sempre conto del fatto che tutte le offerte sono riferite a investimenti caratterizzati dal più alto grado di rischio.

 

Quanto mi costa investire?

Nulla. A TheBestEquity sarà riconosciuta, da parte dell’emittente, una commissione in caso di esito positivo della raccolta. Le spese a tuo carico per la trasmissione degli ordini a banche ed imprese di investimento, se presenti, saranno indicati nella scheda informativa relativa a ciascuna offerta.

 

Quali sono i passi che devo fare per il mio primo investimento?

La parte più importante l’hai già fatta: sei sul sito di TheBestEquity. Ora non ti resta che registrarti e visitare la nostra sezione “Come funziona”. E’ più semplice e immediato di quanto pensi!

 

Quanto posso investire?

Ogni offerta pubblicata prevede un investimento minimo fissato dalla startup offerente. Non è invece previsto nessun investimento massimo, se non l’ammantare dell’aumento di capitale.

 

Come funziona la mia offerta?

L’offerta è del tipo “all or nothing”, ovvero: “tutto o niente”. Questo significa che può avere successo solo se viene raggiunto l’intero ammontare richiesto.

 

E se la campagna non raggiunge l’ammontare richiesto?

Semplice: la cifra da te investita ti viene interamente restituita. Senza alcun costo.

 

Ho scelto la mia campagna, ho perfezionato il mio investimento: come posso seguire lo stato di avanzamento del progetto?

Qui, sul nostro sito. TheBestEquity si impegna a garantire a tutti (investitori e proponenti) la massima trasparenza: ecco perché per ogni campagna troverai online lo stato della raccolta in tempo reale e il numero degli investitori.

 

Ho fatto il mio investimento ma ci ho ripensato. Posso cambiare idea?

Cambiare idea è un diritto di tutti, a patto che avvenga nei termini stabiliti. Puoi ritirare il tuo investimento senza alcun costo a tuo carico (esclusi quelli di transazione) entro quindici giorni decorrenti alla data di ordine o alla notifica di nuove informazioni (fatto nuovo o errore materiale).

 

Quali sono i vantaggi connessi a questo tipo di investimento?

Stiamo parlando di investimenti in società ad alto valore innovativo, che possono quindi produrre una redditività altissima in un settore che in questi anni ha ha visto una crescita esponenziale rispetto ad investimenti in altri strumenti finanziari. Oltre a ciò, è prevista una detrazione fiscale del 30% sull’IRPEF e 30% di deduzione dall’imponibile per l’IRES.

 

E i rischi?

Anche in questo caso: massima chiarezza e trasparenza. Nel caso di Start Up il rischio di perdere l’intero capitale è molto alto. Ecco perché è necessario valutare attentamente questo tipo di investimento in relazione a parametri quali a titolo di esempio il proprio portafoglio di attività nonché la propria propensione al rischio. La nostra “Verifica di appropriatezza” è lo strumento che utilizziamo per affiancarti e consigliarti.

 

Rischio di rispondere con il mio patrimonio personale?

No, trattandosi di una società di capitali (Srl o Spa, generalmente), il patrimonio della società e totalmente distinto da quello dei soci. Il rischio massimo per l’investitore è limitato al capitale investito e l’investitore non ha alcuna responsabilità legale in caso di liquidazione/fallimento.

 

La campagna si è chiusa con successo: e adesso?

Congratulazioni: con il tuo investimento hai permesso a un’azienda di nascere, e ne hai acquistato una quota. In quanto socio potrai ricevere dividendi dai futuri ricavi generati ed un ritorno sull’investimento nel caso di vendita delle quote. Ricorda: da questo momento sei il primo testimonial della società e contribuirai attivamente al suo successo. Non dimenticare, poi, che la società è tenuta a comunicare con regolarità il proprio bilancio agli azionisti.

 

Ho un’idea e vorrei realizzarla: sono nel posto giusto?

Assolutamente sì. Come avrai già avuto modo di constatare, stiamo attraversando un periodo in cui accedere al credito è diventato difficile: ecco perché l’equity crowdfunding con TheBestEquity potrebbe essere la soluzione giusta per te e la tua idea. Si tratta di un processo di finanziamento “collettivo”, “dal basso”: attraverso la condivisione online di progetti imprenditoriali si raccolgono fondi per la loro realizzazione in cambio di quote della società.

 

Quanto costa mettere la mia idea su TheBestEquity?

L’analisi della fattibilità della pubblicazione del progetto sul portale costa 100€. Cifra che, in caso di esito positivo alla pubblicazione, verrà considerata come anticipo della commissione sui fondi finanziati. TheBestEquity tratterrà infatti una commissione variabile dal 4% al 10% in funzione dell’importo finanziato.

 

Chi può raccogliere capitali su TheBestEquity?

Tutte le startup iscritte possono utilizzare portali online per la raccolta di capitali di rischio.

 

Sul vostro portale presenterete idee di ogni tipo?

Non ci sono limitazioni e paletti alle vostre idee e ai vostri sogni, che non siano quelli dettati dai limiti morali ed etici. TheBestEquity si impegna a valutare tutte le vostre idee.

 

C’è un limite all’importo che posso raccogliere?

Sì: puoi richiedere, per il tuo progetto, fino a 4.999.999,99 €.

 

Chi seleziona il mio progetto?

Il progetto, inviato al portale tramite l’apposito form, viene analizzato dal team di TheBestEquity che prende in considerazione diversi aspetti: fattibilità tecnica, coerenza economica, posizionamento competitivo. Se questo primo screening darà un esito positivo, verrà stabilito un contatto diretto con voi al fine di concordare nei dettagli il piano di sviluppo e la proposta di finanziamento. Poi il progetto verrà pubblicato sul portale TheBestEquity.

 

Qual è il primo passo da fare?

Costituire una società di capitali. Contestualmente bisogna adattare lo statuto societario alla raccolta di capitali online. Tutte queste pratiche possono essere svolte dal vostro notaio di fiducia oppure potete tranquillamente affidarvi ad un nostro collaboratore: ci penseremo noi. Come ultimo step va deliberato l’aumento di capitale che poi andrà sottoscritto dopo la raccolta di capitali.

 

Come devo presentare il mio progetto?

Fate conto di dover convincere qualcuno a credere nella vostra idea. Il vostro progetto dovrà essere quindi spiegato nei minimi dettagli e un potenziale investitore dovrà essere in grado di comprenderlo in modo chiaro e immediato. Raccontate la vostra idea, contagiate chi vi legge e convincetelo del fatto che il vostro business potrà crescere, spiegate come prevedete che cresca. In poche parole: spiegate come volete trasformare la vostra idea in un caso di successo.

 

Quali sono i documenti che dovrò presentare?

Per le StartUp servirà presentare un business plan dettagliato, la visura camerale e la presentazione dei soci. A completare la richiesta e renderla più completa, potrete presentarci una descrizione dell’arena competitiva con evidenza degli elementi distintivi della nuova proposta, oltre ad una previsione dei flussi di cassa. Per le PMI, oltre ad un business plan, serviranno gli ultimi due bilanci e, possibilmente, una descrizione dei flussi di cassa legati al nuovo progetto.

 

Una volta pubblicato il mio progetto, potranno leggerlo tutti?

Sì, o per lo meno i contenuti visibili in homepage (descrizione del progetto) saranno visibili da tutti. Gli utenti registrati, e solo loro, potranno vedere anche il progetto in tutti i suoi dettagli.

 

Ho deciso di pubblicare il mio progetto su TheBestEquity: sarò vincolato a raccogliere fondi solo con voi?

TheBestEquity chiede un’esclusiva sui successivi round dopo la chiusura della campagna, per i dodici mesi seguenti.

 

Cosa devo fare durante la raccolta?

Mantieni i canali comunicativi aperti e rispondi velocemente alle richieste degli investitori.

Aggiorna costantemente i tuoi investitori, utilizzando i canali da te preferiti, sull’andamento della raccolta. Ovviamente noi faremo altrettanto: ma, quanto mai nella comunicazione, è l’unione che fa la forza.

 

Quanto dura la raccolta?

Il periodo di raccolta può durare fino a 6 mesi (con eventuali proroghe), in ogni caso la scelta spetta esclusivamente all’imprenditore. Il nostro consiglio è di rimanere all’interno di un periodo tra i 60 e i 90 giorni.

 

E se non raggiungo l’obiettivo minimo?

Non percepirai alcuna somma di denaro, e l’intero ammontare della raccolta sarà restituito agli investitori.

 

Ce l’ho fatta: il mio progetto ha raggiunto l’obiettivo minimo. Ora che succede?

I nuovi soci verranno iscritti al registro imprese e sottoscriveranno l’aumento di capitale. È molto importante che, una volta raggiunto l’obiettivo, tu tenga costantemente aggiornati i nuovi soci sugli obiettivi raggiunti, sui progressi svolti e sulla coerenza della linea strategica con quella descritta nel business plan dichiarato sul sito.

 

Raggiunta la cifra, il mio lavoro è finito?

No, anzi: qui inizia la parte più delicata del tuo lavoro. Anzi: del nostro. Perché TheBestEquity ti aiuterà ad aggiornare costantemente i tuoi nuovi soci, fissare assemblee dei soci. Ricorda che è una relazione a medio lungo termine, e i tuoi soci vogliono restare in contatto con te. TheBestEquity ti fornisce gli strumenti per farlo.

 

Crowdfunding: di cosa stiamo parlando?

Il termine crowdfunding indica il processo con cui più persone (“folla” o crowd) conferiscono somme di denaro (funding), anche di modesta entità, per investire in un progetto imprenditoriale utilizzando siti internet come questo.

 

E’ una realtà nuova?

La diffusione di internet ha aumentato esponenzialmente le possibilità di incontro tra investitori e proponenti, e ha semplificato il processo di investimento che può essere fatto interamente online con pochi click. Ma il crowdfunding esiste da secoli, seppur in versioni decisamente differenti rispetto a quella attuale. Pensate che alla fine dell’Ottocento la rivista “The World”, di proprietà di Joseph Pulitzer, lanciò un’operazione di donation crowdfunding per finanziare il piedistallo e l’installazione della Statua della Libertà, dopo che il Comitato preposto era riuscito a raccogliere solo 150.000 dei 300.000 dollari necessari. Oggi l’equity crowdfunding è una realtà che consente a chiunque di investire in società non quotate (la vera economia reale del paese). Prima, questa possibilità era riservata solo agli investitori professionali.

 

Come viene disciplinato questo fenomeno?

L’Italia è invece il primo Paese in Europa ad essersi dotato di una normativa specifica e organica relativa al solo equity crowdfunding che è visto come uno strumento che può favorire lo sviluppo delle start-up innovative attraverso regole e modalità di finanziamento in grado di sfruttare le potenzialità di internet. Il Decreto ha delegato alla Consob il compito di disciplinare alcuni specifici aspetti del fenomeno con l’obiettivo di creare un “ambiente” affidabile in grado, cioè, di creare fiducia negli investitori. La Consob ha adottato il nuovo regolamento il 26 giugno 2013.

 

Cosa accade quando si investe tramite un portale gestito da un soggetto iscritto al registro della Consob?

Ai gestori dei portali iscritti nel registro della Consob si applica una disciplina più “leggera” rispetto a quella dettata per gli intermediari tradizionali. Come contropartita le piattaforme autorizzate da Consob non possono detenere somme di danaro di pertinenza degli investitori né eseguire direttamente gli ordini per la sottoscrizione degli strumenti finanziari offerti sui propri portali, dovendo a tal fine trasmetterli esclusivamente a banche o SIM. Le piattaforme di equity crowdfunding non possono poi svolgere in alcun modo consulenza finanziaria nei confronti degli investitori. Il ruolo fondamentale del portale è quello di assicurare che gli investitori possano comprendere caratteristiche e rischi degli investimenti proposti: una particolare tutela è rivolta nei confronti degli investitori retail (cioè quelli diversi da banche, SIM, compagnie di assicurazione) i quali devono Sottoporsi a un test di “appropriatezza, che li aiuti a completare un percorso di investimento consapevole dei rischi e delle opportunità connesse.”.

Questo sito richiede un browser più aggiornato!

Per favore aggiorna ora!