Normativa

L’Utente potrà proporre un reclamo ufficiale a GAMGA inviando una comunicazione scritta al seguente indirizzo: Gamga srl – piazza G.F. Ferré, 10 – 20025 Legnano (MI), oppure attraverso una e-mail con oggetto “reclamo” all’indirizzo di posta elettronica: reclami@thebestequity.com

Il Cliente dovrà indicare nel reclamo:

  • gli estremi necessari ad una corretta identificazione;
  • l’Offerta a cui il reclamo si riferisce;
  • una descrizione sintetica dei motivi della doglianza;
  • i presunti danni subiti;
  • l’eventuale corrispondenza intercorsa con GAMGA prima del reclamo.

Gli elementi essenziali del reclamo ricevuto saranno trascritti fedelmente, in ordine cronologico, nell’apposito Registro dei Reclami, detenuto dalla Funzione Compliance e Controllo Interno di GAMGA.

GAMGA si è dotata di specifiche procedure interne idonee ad assicurare una sollecita trattazione dei reclami presentati dalla clientela. Infatti, secondo le procedure interne, GAMGA comunicherà – in un termine non superiore ai 60 (giorni) giorni dalla data di ricezione del reclamo – l’esito finale del reclamo stesso al cliente con le proprie determinazioni per iscritto ovvero mediante posta elettronica, ove questa modalità sia stata autorizzata dal cliente.

Nel caso in cui GAMGA dovesse ricevere comunicazioni di generica doglianza o reclami incompleti, ossia che non contengono tutti gli elementi utili per consentire una sua sollecita trattazione, il cliente potrebbe essere contattato via e-mail dal personale autorizzato di GAMGA per richiedere le motivazioni alla base della doglianza necessarie per consentire di completare il reclamo. In tal caso il giorno di ricezione del reclamo viene considerato quello in cui lo stesso sarà completato.

Un reclamo viene definito “risolto” qualora sia superato il motivo della lamentela.

GAMGA a tal proposito considera “risolto” un reclamo qualora:

  • sia decorso il termine per le procedure di mediazione o conciliazione stragiudiziale (per totale inattività del ricorrente);
  • è stato raggiunto un accordo tra le parti per via giudiziaria o stragiudiziaria, mediante transazione o mediante un accordo di acquiescenza (attività del ricorrente conciliata tra le parti);
  • il ricorrente si sia avvalso delle procedure di conciliazione ed arbitrato previste dalla normativa vigente (attività del ricorrente approdata ad altra sede di esecuzione).

Meccanismi previsti per la risoluzione stragiudiziale delle controversie

GAMGA provvederà ad informare gli Utenti che abbiano presentato reclamo e non siano soddisfatti della decisione adottata dalla Società, ovvero qualora tali Utenti non abbiano ricevuto risposta nei 60 giorni successivi alla presentazione del reclamo, della possibilità di ricorrere, prima di rivolgersi al giudice, all’Arbitro per le Controversie Finanziarie istituito ai sensi del Regolamento di attuazione dell’articolo 2, commi 5-bis e 5-ter, del decreto legislativo 8 ottobre 2007, n. 179, adottato con delibera Consob n. 19062,

In ogni caso, GAMGA assicura che i reclami ricevuti verranno valutati anche alla luce degli orientamenti desumibili dalle decisioni assunte dall’Arbitro e che, in caso di mancato accoglimento, anche parziale, di tali reclami, all’investitore verranno fornite tutte le informazioni circa i modi e i tempi per la presentazione del ricorso all’Arbitro.